Variazioni IVA / 2019

  • Variazione IVA: in caso di richiesta del duplicato di partita iva (scelta prevista dai modelli AA7 e AA9 rispettivamente con i codici 5 e 4) introdotto messaggio di controllo nel salvataggio di tali istanze per avvisare che, dato che il telematico non prevede tali codici e rilascia uno scarto con 2 asterischi, l’unica possibile modalità di presentazione per questa comunicazione dovrebbe essere il modello cartaceo. In ogni caso si consiglia di contattare gli Uffici dell’Agenzia Entrate.

Redditi PF / 2019

  • Liquidazione: in alcuni casi l’importo dell’acconto deciso dell’LM forfetari non veniva salvato correttamente. All’apertura dell’archivio verrà fornito un report dei clienti interessati dall’anomalia per i quali sarà necessario riliquidare la dichiarazione.
  • Quadro RE: corretta l’anomalia che nel campo RE15.3 non riportava le variazioni presenti nei “dettagli” dei righi RE15.1 e/o RE15.2.
  • Quadro CE: corretta l’anomalia per cui il tasto “Salva” della liquidazione veniva disabilitato compilando il Quadro CE.
  • Quadro RG: ripristinato l’automatismo per riportare il valore delle ritenute nei righi dei collaboratori.
  • Quadro LM: corretto il controllo sull’inserimento delle perdite che in alcuni casi non permetteva il salvataggio del quadro.
  • Quadro RR-IVS: corretta l’importazione dell’imponibile dal quadro RF per i collaboratori dell’impresa familiare.
  • Quadro Crediti acconti anno precedente: risolta l’anomalia che riportava il primo acconto della cedolare secca dall’anno precedente:
    • al lordo della maggiorazione (invece che al netto)
    • e contemporaneamente la inseriva con segno negativo sul rigo relativo all’LM. 
      All’apertura dell’archivio verrà fornito un report con i clienti interessati per i quali sarà necessario:
    • entrare nel quadro e digitare sul tasto “importa da versamenti” per ricaricare i valori dall’anno precedente
    • riliquidare il cliente.
  • Abilitata la stampa del modello ministeriale.
  • Quadro RR – Sez. II: corretto il calcolo degli acconti 2019 nel caso di reddito imponibile 2018 pari o superiore al massimale. All’apertura dell’archivio verrà fornito un report con i clienti interessati dall’anomalia.
  • Quadro LM: corretta la stampa di controllo che in alcuni casi non riportava i righi da LM22 ad LM30
  • Quadro RS Perdite: corretta l’anomalia che, in caso di sole perdite dell’anno nel quadro dell’anno 2018, non le riportava nel 2019.

Windired base / 2019

  • Aggiornamento archivio: corretto l’aggiornamento che in alcuni casi non consentiva l’apertura dell’archivio.
  • Deleghe Precalcolati ISA – Nuova funzionalità: attivata la richiesta dei dati precalcolati relativi agli ISA (il cui canale di invio è ancora in apertura). 
    La procedura è accessibile dal menù Strumenti >> Deleghe Massive ed è disponibile gratuitamente per tutti i clienti che abbiano una procedura per la dichiarazione dei redditi (si tratta dello stesso programma usato per le deleghe della FE).
    Il programma permette di importare le anagrafiche ed i dati reddituali dall’archivio WinDired da cui viene aperto; qualora si abbia già la delega al cassetto fiscale del cliente non occorre raccogliere la delega del contribuente, ma la richiesta dei dati va comunque fatta con questo programma specificando nel dettaglio del rigo il valore “Cassetto Fiscale” nella voce “Origine Dati”.

IRAP / 2019

  • Quadri IP/IQ/IC/IE: corretto il controllo sui giorni del periodo d’imposta che, in alcuni casi, non consentiva il salvataggio del quadro.

Redditi SC / 2019

  • Calcolo acconti: corretto, nel quadro RF, il calcolo del reddito per acconti che non teneva conto del maggior valore delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria relativi al costo di acquisizione dei beni materiali strumentali nuovi indicati nel rigo RF55 codice 50 e 55 e dei beni immateriali strumentali indicati nel rigo RF55 codice 56. All’apertura dell’archivio verrà generato un report con l’elenco dei clienti per i quali va ripassato il quadro RF e riliquidato.
  • Quadro RF: nel “Calcolo Irap deducibile” è stato modificato il riporto degli acconti 2018 e del saldo Irap 2017 pagati nel 2018. Gli importi vengono ora riportati al netto della maggiorazione del 0,4%.
  • Liquidazione: per i soggetti con esercizio a cavallo d’anno (2018-2019) o con periodo d’imposta particolare (2019) è stato inserito nei controlli iniziali l’avviso relativo al ricalcolo della base imponibile per acconti che non tiene conto degli importi inseriti nel rigo RF55 codice 58 e codice 59 per i quali va verificato che tali importi si riferiscano a spese effettuate nell’esercizio 2019.

IMU-TASI / 2019

  • Stampa mod.F24 IMU: nel caso in cui l’utente avesse acquistato solo la gestione IMU, la stampa dei relativi F24 era bloccata.
  • Lista Delibere IMU/TASI: abilitato il programma interno per la ricerca delle delibere IMU/TASI/TARI per l’anno 2019. Attenzione: l’Agenzia delle Entrate richiede ora una versione di HTTPS disponibile solo con .NET 4.5; il programma necessita quindi di questo software gratuito Microsoft per poter funzionare.

Versamenti / 2019

  • Codici Tributo: aggiornata la banca dati dei codici tributo per i versamenti con mod.F24 in base alla risoluzione 55/E.

Codice fiscale, Partita IVA e numero iscrizione C.C.I.A.A. TS 00797300324.