11 ottobre 2018 - versione 10.02

pubblicato 11 ott 2018, 03:31 da Angelo Prauscello

Redditi SP / 2018

  • Salvataggio liquidazione: sistemato il problema che in alcuni casi non permetteva il salvataggio della liquidazione.
  • Telematico multiplo: risolta l’anomalia che in caso di creazione di un telematico con più clienti escludeva dal file quelli privi di quadro RP che nella sequenza risultavano subito successivi a clienti con RP compilato. La mancata generazione veniva segnalata nel report alla fine della creazione del telematico.
  • Quadro RU: corretta la gestione del quadro in quanto il rigo RU6 non si abilitava per il codice credito A9.

IRAP / 2018

  • Stampa ministeriale/telematico: corretta la stampa del rigo IC63 Retribuzioni e altri compensi relativo alla sezione VI Cooperative edilizie e confidi del quadro IC. Il rigo veniva stampato solo in presenza della sezione V – Soc. in regime forfetario. L’errore veniva segnalato da uno scarto del controllo telematico.

Studi di settore / 2018

  • Importazione selettiva: corretta l’importazione dei quadri relativi agli Studi di Settore che in alcuni casi non permetteva l’apertura della scheda del cliente.

IVA / 2018

  • Quadro Liquidazione: modificato il controllo di richiesta di rimborso dell’IVA a credito per i contribuenti che si avvalgono del regime forfetario dal 2018 (codice causale rimborso 11) che non risultava selezionabile in compresenza di un importo nel VX1 e un eccedenza di versamento nel VX3.
  • Acconto IVA 2018: attivata la funzione per la determinazione dell’acconto IVA 2018; da quest’anno la funzione di determinazione è stata integrata all’interno del quadro “Liquidazioni Periodiche IVA”.

Redditi PF / 2018

  • Quadro RC – Stampa ministeriale e file telematico: corretti i campi RC4.12 ed RC10 che in alcuni casi venivano arrotondati in maniera errata. Entrambe le anomalie determinavano uno scarto di Entratel.
  • Quadro RP – Fondo pensione negoziale dipendenti pubblici: corretti la stampa ministeriale e il file telematico del rigo RP31 per il quale non veniva compilato il campo 1. L’anomalia comunque non comportava alcun malfunzionamento dei calcoli della deduzione.
  • Quadro RN – Crediti indiretti da quadro CE: in caso di crediti d’imposta indiretti (compilazione della casella 15 della sezione I del quadro CE) il credito d’imposta spettante veniva indicato anche nel rigo RN32. L’anomalia generava uno scarto di Entratel.
  • Quadro RP – Stampa ministeriale e file telematico: corretta la stampa della sezione III-C che in alcuni casi non riportava il numero di rata in colonna 1. L’anomalia generava uno scarto di Entratel.
  • Quadro RM – Redditi 2017 e 2018: corretto il calcolo e la stampa della colonna 4 del rigo RM14, che non includeva l’acconto eventualmente trattenuto dal sostituto d’imposta (compilazione di dichiarazioni integrative di modello 730). L’anomalia determinava uno scarto di Entratel.
  • Quadro RR Gestione Separata – Doppia posizione con importi sia a debito che a credito: in caso di compilazione di 2 o più righi nella sezione, con risultati sia a debito che a credito, nel primo modulo del quadro RR venivano stampati sia il rigo 7 che il campo 8.4, determinando lo scarto della dichiarazione. Liquidazione ed F24 erano invece già corretti.

Windired base / 2018

  • Modifica rapida data impegno a trasmettere: abilitata la funzione che permette di inserire, in modo massivo, il valore desiderato nelle dichiarazioni selezionate. 
    Si precisa che la variazione avverrà solo per le dichiarazioni con il quadro Dati telematico e il campo Data impegno già compilati. Inoltre, al termine dell’operazione verrà fornita una stampa con la lista delle dichiarazioni in cui è avvenuta la modifica.

Versamenti / 2018

  • Modello F23: aggiornata la banca dati dei codici ente da utilizzare nel modello F23 in base alla risoluzione 75/E.

770 / 2018

  • Quadro ST/SV: risolta l’anomalia che in alcuni casi di inserimento manuale di più righe salvava sempre e solo l’ultima.
  • Stampa ministeriale e telematico: risolta l’anomalia che non aggregava le ritenute relative al quadro SV. Si precisa che il file telematico veniva scartato dal controllo dell’AdE.

Certificazione Unica / 2018

  • CU di società collegate: nel caso di operazioni straordinarie in cui si esegua il collegamento della CU a quella delle altre società, il programma permette di inviare solo la prima delle CU presenti nelle collegate; con la versione del prossimo anno, il programma permetterà di collegare anche le CU successive alla prima.
    Abbiamo rilevato che alcuni clienti avevano operato tale collegamento cercando di inserire CU diverse dalla prima: il programma genererà quindi un report con tutti i soggetti con più di una CU nella società collegata al fine di permettere la verifica che i collegamenti siano stati effettuati come si intendeva fare.
    Nel caso in cui si voglia inviare come CU collegata una CU diversa dalla prima, vi invitiamo a contattare l’assistenza tecnica per essere guidati nell’operazione.
Comments